Korr è una piccola cittadina nel Nord del Kenya, in mezzo al deserto del Chalbi. Con i sacerdoti salesiani di Don Bosco e le suore indiane di Fatima, Karibu collabora da alcuni anni per sostenere la popolazione in tempi di grave siccità e carestia (“Progetto siccità”), e con il progetto “Clinica Mobile”.

Tutto questo è possibile grazie ai contributi volontari di amici e sostenitori di Karibu.
Se anche tu vuoi sostenere i nostri progetti a Korr, puoi farlo con una donazione volontaria a Karibu, con causale “Progetto siccità – Korr” o “Progetto clinica mobile – Korr”.

Situata in una zona solitamente secca, Korr è una cittadina con pochi abitanti, circondata da piccoli villaggi di capanne. L’agricoltura è molto difficile da praticare qui, a causa del terreno e delle condizioni climatiche, e per questo motivo, in periodi di grave siccità, è necessario supportare la gente locale acquistando per loro farine, cereali, riso e tutto il necessario per l’alimentazione di tutti i giorni.

Nelle foto potete vedere la più recente consegna di cibo alle popolazioni di Korr, da parte di Padre Oswin, sacerdote salesiano di Don Bosco.

Un altro importante progetto che sosteniamo a Korr è il progetto “Clinica Mobile”, gestito dalle suore indiane di Fatima. E’ un progetto che si occupa di garantire l’assistenza sanitaria di base a chi vive lontano dalle grandi città, dove ci sono gli ospedali, e fare in modo che piccole malattie non abbiano gravi complicazioni.

Le suore, ogni settimana, prendono la loro jeep e si inoltrano nel deserto per visitare i piccoli villaggi lontani dalla cittadina di Korr e, come potete vedere nelle foto, si occupano principalmente dei bambini, che possono soffrire di malnutrizione e malattie legate a questo, ma anche di donne e uomini che possono contrarre malattie di diversa natura.

I soldi che raccogliamo per questo progetto vanno a finanziare la manutenzione per la jeep e il gasolio, necessario per effettuare questi lunghi viaggi nel deserto. Inoltre, le suore utilizzano le nostre donazioni per acquistare materiale infermieristico e medicinali di base, che da sole non avrebbero la possibilità di comprare.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.